Perchè fumare?

Il  tabacco è un prodotto agricolo, ottenuto dalle foglie delle piante del genere Nicotina, il cui nome scientifico è Nicotiana tabacum, originaria del continente americano.
Le sostanze contenute in una sigaretta sono principalmente quattro: nicotina, ossido di carbonio, alcune sostanze irritanti, derivati del catrame.
Il fumo che origina dalla combustione incompleta di questo tabacco e della carta che lo avvolge è costituito da qualcosa come quattromila sostanza diverse: un micidiale aerosol che invade le vie respiratorie con gas, vapori non condensati e miliardi di particelle.
Al mondo si contano 1 miliardo di fumatori che fumano circa 6 mila miliardi di sigarette l’anno.
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il fumo è tra le principali cause di mortalità. Il fumo infatti fa male al sistema cardiocircolatorio:
-favorisce i trombi e la formazione di alterazioni vascolari;
-favorisce l’insorgenza di malattie delle coronarie;
-causa pressione alta.
Il fumo danneggia i polmoni ed è alla base di malattie molto serie come enfisema e bronchite cronica.
E’ causa di problemi in gravidanza: bambini sottopeso, parto prematuro.
Chi fuma ha un ridotto senso del gusto e dell’odorato, negli uomini è tra le cause dell’infertilità, genera problemi ai denti, tra cui l’orribile ingiallimento, provoca invecchiamento della pelle.
Infine, il fumo provoca vari tipi di tumore, in particolare è dimostrata una relazione con il tumore ai polmoni.


Anche il fumo passivo è deleterio, è particolarmente nocivo per chi ne è sottoposto regolarmente.
I bambini esposti al fumo hanno maggiori rischi di soffrire di infezioni alle vie respiratorie e alle orecchie.
Questi i motivi che portano un giovane ad iniziare a fumare:
-essere accettati dal gruppo degli amici;
-dimostrare di essere diventati adulti;
-rilassarsi;
-concentrarsi;
-controllare l’ansia.

Personalmente considero il fumo una dimostrazione di debolezza: se per darmi un tono, farmi accettare dagli altri coetanei e sentirmi più sicura, devo ricorrere alla sigaretta, allora probabilmente non sono poi così sicura di me, di quello che penso e di quello in cui credo, e i coetanei di cui cerco la compagnia, probabilmente non sono le persone che tengono a me e che mi accettano per quello che realmente sono. Per affrontare il mondo non ho bisogno di una sigaretta che mi “difenda”, come fosse una spada laser dai super poteri. Ho bisogno di capire cosa penso, cosa voglio essere e soprattutto come voglio esserlo, con che principi voglio vivere. E le persone che mi staranno vicine sapranno accettarmi per quella che sono e non dovranno vedermi attraverso la nebbia del fumo di una sigaretta, ma chiaramente, con i miei pregi e i miei difetti.

Testo di Gaia Z. di classe 3D       

Potrebbero interessarti anche...