Il film su Malala

A scuola abbiamo visto un film molto bello su una ragazzina, Malala, che viveva nello Swat, in Pakistan. La sua famiglia era composta da lei, i suoi due fratelli, madre e padre. Lui era un professore e insegnava a sua figlia la libertà di parola e l’importanza del pensiero. 

Risultato immagine per foto malala e famiglia

Malala si chiama così in onore della ragazza che aveva combattuto contro i Talebani, per difendere i diritti delle donne e che è stata poi uccisa per questo. 

La storia di questa ragazza parte da quando lei era una bambina, abituata ad andare a scuola tutti i giorni. Di colpo, tutto cambiò. I talebani impedirono a qualsiasi donna di istruirsi, poiché l’istruzione portava ad avere idee ed opinioni diverse dal capo dei Talebani, che a quel tempo era Fazlullah.

 Visualizza immagine di origine

Un giorno ci fu un attentato ad uno scuolabus, quello sul quale si trovava Malala, che venne colpita in piena fronte da un proiettile. Poco dopo, la portarono in un ospedale.

In seguito Malala fu costretta a trasferirsi con la sua famiglia in Inghilterra, a Birmingham, perché Fazlullah aveva ordinato di ucciderla appena l’avessero trovata.

In Inghilterra, Malala ha tenuto moltissime conferenze stampa, con giornalisti di tutto il mondo. Inoltre ha incontrato molte persone famose, tra cui Barack Obama, la Regina Elisabetta e diversi attori di fama internazionale.

 

Ha anche scritto un libro che si intitola” I’m Malala”, ma soprattutto, nel 2014, ha vinto il Premio Nobel per la Pace!!!

Il suo più grande sogno, però, è sempre stato quello di tornare nello Swat, a casa sua, per poter stare con gli amici e i parenti.

Purtroppo non è ancora tornata in Pakistan.

Questo film ci è piaciuto molto perché racconta la storia vera di quello che le donne, in altre parti del mondo, sono costrette a subire da parte degli uomini. Per fortuna, ci sono donne che si ribellano e che rivendicano i loro diritti.

                                                                           articolo scritto da Martina L. e Giulia B.

 

 

                                                                                                                                                

Potrebbero interessarti anche...